Triumphchepassione 

La Special del Mese

La Special del Mese di Agosto 2008, foto e informazioni

  Home Page  I   Forum TCP  I   Blog TCP  I   Sostieni TCP  I  Iscriviti alla mailinglist di TCP  I  E-mail

Vai a TCPShop, i negozi di Triumphchepassione

 

Clicca QUI per andare al Forum >>>

Ecco la special di Agosto 2008: la multiforme Trident 750 di ROCKET68, che ha ormai subito tantissime mutazioni, fino ad arrivare a questa splendida realizzazione. Ecco le foto:

Scheda tecnica (in questo caso storia della moto):

Allora se vogliamo essere precisi e raccontare le varie evoluzioni della moto mettitetevi bello tranquillo che vi racconto un po' i fatti.

Intanto stiamo parlando di un Trident 750 del 1996. I lavori sono iniziati subito quando ho comperato la moto, quando feci il contratto inserii anche un scarico 3in 1 della Shark in allumio. Poi con po' di fortuna nel trovare pezzi dal mio meccanico ho migliorato la situazione: Kit dynojet , filtro kn , lavoretto all'anticipo , tubi freni aeronautici, mezzi sterzi del T309 ( primo speed ) strumentazione T309 , rinvi comandi pedane del T 309, molle lineari ohlins all'anteriore e un mono di uno sprint (serie T300), leve regolabili, frecce cambiate con altre piu' piccole (aprilia scarabeo 50) e per finire un palpebra Triumph quasi originale. Tolsi il cavalletto centrale e lucidai a mano i maniglione posteriore. Questi sono il lavori della prima versione, quella foto si riferisce al mio viaggio del 2001 ed e' stata scattata all'officina N3 di via Nicolini alla presenza del compianto Carlo Talamo (che tra l'altro mi fece molti complimenti).

Poi in seguito ad un incidente decisi di dare la prima ristrutturata alla moto con un notevole cambiamento. Montai il codone dello Speed T509 adattato per farlo combaciare con il serbatoio il tutto fatto a mano da un artigiano dell mie zone amico mio. Ho incassato al posteriore del codone due frecce derivazione Piaggio Liberty 50 per fare lo stop , e costruito ex novo un sella unendo pezzi Speed e tTident. Il prafango anteriore fu riprofilato . In ultimo gli ho regalto un bel scarico ovale in titanio fatto su commissione da un altro amico ancora. La soprannominai " Triple Trouble " per i suoi problemi endemici: freni, sospensioni e peso.

Dopo l'ennesimo botto decisi di fare un altro step per arrivare poi alla verisone che ti ho postato. La cosa che caratterizza di piu' la moto il codone (Guzzi V11) modificato a meno per poter incassare al posteriore un fanale scooter Benelli 50.
Altra modifica stata la creazione dell manigli incassate nell parte posteriore , utilizzando come forma quella di un portiera di Una Nissan Primera.
Sella in pelle/camoscio cucita a mano.
Sotto codone sempre Speed.ma profondamente rifilato Per montare quel codone ho dovuto tagliare parte del telaietto posteriore e anche la scatola filtro non rimasta indenne.
Pedane pilota e passeggero LSL e frecce cromate a forma triangolare(ora diventate nere). Parafango anteriore Speed T509.
Il tutto e stato completato da un verniciatura Strip/Unon Jack rigorosamente Home Made.
E visto che questo era il terzo step la moto fu ribattezzata Rocket3.

Successivamente riusci a trovare avantreno completo e retrotreno di una Yamaha R6. Per l'anteriore fatica zero, praticamente plug and play, mentre al posteriore sono state necessarie la realizzazione di boccole per adattare il perno della ruota.

Questo ultimo step che ha fatto prendere il nome di Lupara Bianca alla mia moto sempre stato dettato dal fatto che non sono mai contento di quello che ho , quindi una bella mano di vernice bianca l'ha ricoperta.
Con l'aiuto di un altro amico ho aerografato la scritta Triumph sul serba e l'Ace sul codone ( luogo prima o poi di un mio prossimo futuro insieme all'isle of Man)
mentre per la pin up , visto che l'amico era sullo scazzato andante si optati per un adesivo , lavoro non meno lungo visto che si dovuto crearlo in vettoriale .
So che non a tutti e piaciuta ma molte moti significati questo disegno.
Prima di tutto vi il razzo ( Rocket) poi vi la pin up con i capelli rossi (la mia signora ) che cerca di domarmi, ed infine il colore viola caratteristico delle Trident che correvano nell Derivate negli anni 70.
Il tocco vintage datto dalle tabelle portanumero ovali della Cemoto, con adesivi neri con la centro il mio numero
Cmq i lavoro non sono mai finiti infatti negli ultimi giorni ho montato il mono di Speed T309 , che ora mi permette di guidare in maniera piu caricata in avanti ,rendendo la moto un p pi maneggevole riuscendo cosi a pulire completamente la gomma posteriore e a quella anteriore manca veramente poco ( non sono quelle delle foto) .

Vi ricordo che i lavori non sono mai finiti e nella mia mente gi si aggirano nuove idea su come cambiare la mia moto.